Catalizzatore di energia secondo Rossi e Focardi

Da Psiram.
Andrea Rossi e Sergio Focardi (immagine: "La Repubblica"). Al primo piano si vede la pompa (gialla) del tipo "LMI P18"
Andrea Rossi e Sergio Focardi (immagine: Rainews)

Il catalizzatore di energia secondo Rossi e Focardi (detto anche Rossi energy amplifier o E-Cat) è un presunto reattore compatto che, secondo gli inventori, permetterebbe una cosiddetta fusione fredda tra microcristalli di nickel e idrogeno, con produzione di rame e una grande quantità di energia. Il giornale italiano "Il fatto quotidiano" del 15 aprile 2011 (inserto Saturno) lo definisce anzi "reattore da tavolo". Gli inventori prevedono una prima commercializzazione dello E-Cat per uso industriale entro la fine del 2011. Secondo loro, il catalizzatore di energia sarebbe in grado di fornire circa da 5 ÷ 15 kW (termici) con un'alimentazione contemporanea di solo 300 ÷ 1500 W (elettrici) scopo iniziale di riscaldamento.

Secondo indicazioni degli inventori, l'imprenditore e presunto ingegnere (vedi sotto) Andrea Rossi e il professore emerito dell'Università di Bologna Sergio Focardi, la presunta fusione nucleare sarebbe accompagnata da radiazione ionizzante. Però, fino ad oggi una tale radiazione (raggi gamma, beta/beta+, neutroni) non è stata misurata all'esterno del reattore.

Rossi e Focardi non sono i primi a rivendicare di poter realizzare una fusione fredda tra nickel e idrogeno. Tali fusioni derivano in principio da esperimenti contestati e pubblicati nel 1989 dai ricercatori Stanley Pons e Martin Fleischmann, che però non risultarono ripetibili. Rossi si riferisce esplicitamente ad essi.

Gli inventori hanno organizzato diverse presentazioni pubbliche della loro invenzione tra gennaio e marzo 2011; esse però sono affette da difetti di metodo sperimentale e lasciano seri dubbi a proposito del principio di funzionamento. Tale principio, inoltre, non sarebbe stato capito dagli stessi inventori, che però sostengono che si tratterebbe di una reazione di fusione nucleare a bassa temperatura ("fusione fredda").

Se si crede a quanto riportato dalla rivista greca "Investors World" del marzo 2011, l'E-Cat sarebbe al centro di un investimento dell'ordine di 200 milioni di euro. In aprile 2011 l'inventore Rossi dichiarava di avere realizzato un contratto con un "grande cliente nordamericano" che non voleva nominare.

L'inventore vero e proprio del principio di una possibile fusione tra nickel e idrogeno "a bassa temperatura" fu nel 1989 il biofisico italiano Francesco Piantelli, che riuscì a ottenere un brevetto per tale reazione.[1][2]

Rossi, che tenta ugualmente di ottenere un brevetto per questo principio, non accetta la priorità di Piantelli e l'uguaglianza dei principi. Rossi:

.."My process has nothing to do with the process of Piantelli. The proof is that I am making operating reactors, he is not." (il mio processo non ha niente a che fare con quello di Piantelli. La prova è che io realizzo reattori funzionanti, lui no).

Alcuni aspetti del principio somigliano anche a descrizioni fatte dal fisico giapponese Yoshiaki Arata nel suo brevetto del luglio 2005. (vedi sotto)

Letteratura scientifica citabile a proposito del catalizzatore di energia di Rossi e Focardi o del presunto principio di funzionamento non esiste allo stato attuale (aprile 2011).

Attualmente (aprile 2011) non sono conosciuti tentativi di replicare l'invenzione descritta da Rossi e Focardi da parte di persone o gruppi esterni. Due repliche da parte neutrale di realizzare una "fusione fredda" tra nickel e idrogeno, secondo quanto riferito dal biofisico italiano di Siena Francesco Piantelli, non furono coronate da successo.

Il presunto principio di funzionamento

controllo della potenza di riscaldamento e interruttore principale
Andrea Rossi e il reattore (presentazione del 14 gennaio 2011, immagine: Curiosity-Blog)
controllo della potenza di riscaldamento: 0 a 9
alcuni "E-Cat" senza schermatura di piombo e senza isolazione termica. immagine: Giuseppe Levi
controllo della potenza
il „reattore visto dall'esterno, senza schermatura di piombo e senza isolamento termico. Di sotto si vede la resistenza di riscaldamento (in questo caso: 300W), sopra si vede l'ingresso del gas idrogeno, a sinistra e a destra il tubo per l'acqua di raffredamento. Immagine: Giuseppe Levi
la control box
la pressione del idrogeno
una tipica resistenza di riscaldamento trovabile sul mercato
Asserzioni pubbliche fatte da Andrea Rossi a proposito di un possibile arricchimento isotopico del nickel a basso costo che sarebbe necessario (screenshot del 11 aprile 2011 nel suo blog "journal of nuclear physics")

Tutte le informazioni che si hanno a disposizione del catalizzatore di energia di Rossi e Focardi provengono dagli inventori stessi, dal loro blog su internet intitolato "Journal of Nuclear Physics" (JONP), dalla richiesta di un brevetto di Andrea Rossi, da video su YouTube, da pochi articoli di giornali non scientifici e da commenti fatti da parte di osservatori competenti. Si aggiungono numerose discussioni tra osservatori su internet internazionale (sopratutto italiani, svedesi, nord-americani)

E' risultata mancante un'accettazione delle rivendicazioni clamorose da parte di enti o associazioni di esperti del settore, sebbene l'ambiente internazionale pro-fusione fredda veda negli esperimenti di Rossi e Focardi la prova definitiva della realizzabilità (aspettata da anni) del principio di una fusione nucleare a bassa temperatura.

Il tentativo degli inventori di pubblicare un articolo sulla rivista online (senza peer-review) "arXiv.org" (A. Carnera, S. Focardi, A. Rossi, to be published on Arxiv..) è fallito. Secondo Sergio Focardi, Rossi avrebbe creato il suo blog "Journal of Nuclear Physics" per poter pubblicare in modo libero e indisturbato sul tema. Le ditte di Rossi, EON Srl e la "Leonardocorp.", attualmente non forniscono informazioni utili.

Secondo le informazioni a disposizione che sono in parte contraddittorie e lacunose, il catalizzatore di energia secondo Rossi e Focardi realizzerebbe da "reattore da tavolo" una fusione nucleare di una polvere del metallo nickel con gas idrogeno sotto pressione con formazione di rame e calore. Secondo Focardi si formerebbe anche un po' di elio.[3] Tutto questo in presenza di un catalizzatore segreto. Secondo le affermazioni fatte, tale reattore sarebbe anzi in grado di liberare fino a 130 kW termici fornendogli contemporaneamente da 80 a 1500 W per riscaldarlo e per alimentare circuiti di controllo. Dopo un certo tempo di funzionamento, tale riscaldamento elettrico potrebbe anche essere disattivato. In questo caso il reattore continuerebbe a funzionare e a liberare calore solo sulla base della presunta fusione nucleare tra nickel e idrogeno. La reazione avviene in una piccolo camera di acciaio inossidabile, raffreddata da acqua.

La reazione nucleare in questione non viene spiegata con precisione. Nella richiesta del brevetto, l'inventore Rossi parla dell' isotopo stabile 62Ni come uno dei reagenti e del rame 62Cu come prodotto (stabile) di fusione. Questo isotopo 62Ni è presente per il 3,6% nel nickel che si trova in natura e in commercio. In un modo poco preciso lo stesso inventore vuole usare un metodo poco costoso per un arricchimento isotopico del nickel, non precisando però per quale isotopo precisamente. I costi per un tale arricchimento ammonterebbero solo al 10% dei costi del nickel, spiega Rossi nel suo blog. In contraddizione palese con questa affermazione, Rossi concedeva a un fisico svedese un campione del suo "combustibile" nucleare. Un' analisi indipendente fatta in Svezia rivelò che si trattava di nickel con un rapporto isotopico del tutto naturale, senza segni di arricchimento. In verità, processi di arricchimento isotopico sono molto costosi.

Secondo altre affermazioni degli inventori, si formerebbero invece due isotopi stabili del rame e il loro rapporto isotopico sarebbe diverso da quello naturale (1,6 invece di 2,24).[4]

Una tale fusione nucleare con formazione del metallo pesante rame necessiterebbe la presenza di enormi energie (temperatura e pressione) e avrebbe come conseguenza una fortissima radiazione gamma (Vernichtungsstrahlung) dall'interazione di positroni ed elettroni. (vedi [10]) Gli inventori parlano invece solo della presenza di una debole radiazione gamma che avrebbero misurato.[5] Si tratterebbe di una radiazione corpuscolare beta+ (positroni, come nel caso del meglio conosciuto potassio K40) Per motivi di protezione, Gli E-Cat sono avvolti da uno strato di piombo con uno spessore di 2 cm. Però, nella richiesta di brevetto tale schermatura di piombo servirebbe anche per la produzione di calore, trasformando la radiazione in calore:

The above mentioned coatings are so designed as to restrain all radiation emitted by the exothermal reaction and transform said radiation into thermal energy. (citazione dalla richiesta di brevetto)

Secondo le indicazioni degli inventori, essi avrebbero usato inizialmente barre (bacchette) di nickel. Però, l'uso di una polvere di nickel con una grandezza "nanometrica" delle particelle sarebbe più vantaggiosa. Nella richiesta di brevetto si parla invece di particella con grandezza nell'ordine di 10 µm. (tali polveri sono in commercio da anni per circa 300 euro al kg. Vengono prodotti a livello industriale con un metodo elettrolitico in presenza di idrogeno e con elevate pressioni e temperature) Rossi indica la ditta milanese "Gerli Metalli"[6] come fornitore del suo nickel. Inoltre conoscerebbe un "oltre novantenne" (non rivela suo nome) che gli fornirebbe il materiale.

Indispensabile per la presunta fusione nucleare sarebbe la presenza di un catalizzatore che non viene specificato, e che non viene descritto nella richiesta di brevetto. (I brevetti devono invece contenere al momento della formulazione della richiesta tutte le informazioni necessarie per realizzare l'invenzione. Nella sua richiesta, Rossi parla esplicitamente del suo catalizzatore segreto mettendo in pericolo il suo brevetto. Non parla invece di un arricchimento isotopico del combustibile nickel). In qualche modo il segreto di Rossi sarebbe una modificazione della polvere di nickel usata come combustibile.

Su internet si trovano oramai elenchi di sostanze, che Rossi ha dichiarato non essere tale catalizzatore. Escludeva per esempio sostanze radioattive, NiO2 eccetera. (vedi forum Vortex-L)

Altra condizione necessaria sarebbe una certa pressione minima del gas di idrogeno. Durante uno degli esperimenti, veniva usata una pressione stabile di 25 bar. In un'altra occasione si parlava di picchi di pressione di idrogeno che sarebbero necessari.

La fusione inizierebbe solo a temperature al di sopra della temperatura ambiente. Vengono indicati valori tra 180 e 600 gradi C, raggiungibili tramite un riscaldamento elettrico. Su internet si trovano anche considerazioni a proposito di una eventuale presenza di elevati campi elettrici o magnetici, che sarebbero necessari.

Nel suo blog (JONP) il metodo di Rossi e Focardi viene anche paragonato con la teoria degli cosidetti "Hydrino" del medico ed ingegnere americano Randell Mills (nato nel 1957). Da vent' anni circa, Mills ottiene finanziamenti a livello di milioni di dollari da investitori ai quali promette di poter ridurre l'energia dell' atomo di idrogeno al di sotto del suo stato fondamentale, schiacciandolo e riducendo il suo volume. Questo fenomeno (mai visto o rilevato scientificamente) porterebbe alla liberazione di energie (calore).[7] Anche Mills aveva fatto esperimenti con nickel e idrogeno. Fino ad ora Mills non è in grado di offrire un sistema funzionante secondo la sua teoria.

Secondo speculazioni di osservatori, anche reazioni chimiche (classiche) con composti di nickel potrebbero portare alla liberazione di calore. Per esempio si parlava del metodo fortemente esotermico dello "Sherritt-Gordon process"[8].

Oltre all'eventuale produzione di calore dovuta all'interazione idrogeno/nickel, si deve considerare anche il calore di assorbimento dell'idrogeno nel reticolo del nickel. Il nickel finemente diviso, per esempio il nickel Raney, può assorbire una notevole quantità di idrogeno. L'assorbimento è spontaneo e avviene con sviluppo di calore (entalpia di assorbimento negativa). L'idrogeno può essere allontanato per riscaldamento e sottoponendo a depressione la lega. Le combinazioni idrogeno/metallo sono considerate vere e proprie leghe, di cui si dispongono i diagrammi di stato. Molto noti sono i diagramma di stato Pd-H, Pd-D.

Il catalizzatore misterioso

Secondo l'inventore Andrea Rossi, il successo delle sue reazioni di fusione nucleare sarebbe legata alla presenza di un catalizzatore, del quale non vuole rivelare le proprietà chimiche e/o fisiche. Non specifica il suo catalizzatore nemmeno nella sua richiesta di brevetto. Il metallo nickel è un catalizzatore ben conosciuto per catalizzare reazioni in chimica organica e viene usato a livello industriale (esempio: Idrogenazione di acidi grassi insaturi per produrre margarina).

Per reazioni di fusione (o anche di fissione) studiate finora non sono conosciuti catalizzatori. C'è forse da notare che il premio nobel Hans Bethe aveva sviluppato la sua teoria (ciclo "Ciclo del carbonio-azoto" o di Bethe-Weizsäcker[9]) per reazioni di fusione che avvengono a temperature al di sopra di 14 milioni di gradi K e portano alla formazione di elio a partire da idrogeno. La probabilità una reazione avviene una volta in 108 anni. In questo caso azoto o carbonio potrebbero essere considerati come una sorta di "catalizzatore" per la fusione calda di idrogeno.

Da osservatori furono avanzate diverse ipotesi a proposito del catalizzatore enigmatico. Rossi escludeva il Raney-nickel, anche se secondo voci due incendi nel suo laboratorio sarebbero da mettere in relazione all'uso dello Raney-nickel. Focardi da parte sua, dichiarava di non conoscere il "catalizzatore", ma avanzava l'ipotesi che non si tratterebbe di un elemento chimico ma piuttosto di un composto, che "catalizzerebbe" la dissociazione della molecola H2 in idrogeno atomico. (Una discussione concernente catalizzatori per tale scopo fu pubblicata nel 1999 da Romanowski[10]).

Per impedire l' identificazione del suo catalizzatore, fu impedita la spettrometria di raggi gamma durante le sue dimostrazioni pubbliche a Bologna.

Attivazione e arresto della fusione secondo Rossi e Focardi

Secondo le informazioni che vengono forniti dagli inventori, la presunta fusione dovrebbe avvenire quando la polvere di nickel in presenza di gas idrogeno supererebbe una certa temperatura, che però non viene specificata precisamente. Sergio Focardi:

"the hydrogen is heated at a given temperature with a simple resistor. When the ignition temperature is reached, the energy production process starts: the hydrogen atoms penetrate into the nickel and transform it into copper."

L'arresto della presunta fusione dovrebbe avvenire qualora le resistenze di riscaldamento non vengano più alimentate e l'apporto di idrogeno finisse (per esempio arrestando un'elettrolisi dell'acqua esterna per produrre idrogeno). Il fisico svedese Sven Kullander parla nel suo rapporto a proposito della dimostrazione del 29 marzo 2011 di un aumentato flusso dell'acqua di raffreddamento per arrestare tale fusione nucleare. Kullander aggiunge che il riscaldamento elettrico "stabilizzerebbe" la "fusione" ed aumenterebbe la sicurezza del sistema:

"At the end of the horizontal section there is an auxiliary electric heater to initialize the burning and also to act as a safety if the heat evolution should get out of control."

Successi asseriti

Informazioni fornite dagli inventori a proposito dell' energia liberata dal loro Ecat[11]

Secondo le informazioni fornite da Focardi e Rossi, in passato essi sarebbero stati in grado di aumentare il calore liberato dal loro reattore. Focardi parlava di 40 o 50 W che in passato un reattore precursore dell'Ecat avrebbe fornito (esperimenti di Focardi con Francesco Piantelli). Rossi avrebbe avuto per primo l'idea di usare una polvere di nickel. Dopodiché avrebbero raggiunto valori fino a 130 kW. In modo aneddotico, Rossi spaccia da tempo la storia che un suo reattore avrebbe riscaldato per mesi la sede della sua EON srl. a Bondeno (prov. Di Ferrara) e che avrebbe anche usato il suo Ecat per produrre l'acqua calda a casa sua. Il presunto riscaldamento della sua ditta, e il presunto risparmio del 99% dei costi di riscaldamento viene anche ripetuto nella richiesta di brevetto di Rossi. Inoltre, reattori funzionerebbero già dal 2008 presso la sua ditta negli Stati Uniti ("Leonardo facility" New Hampshire).

A practical embodiment of the inventive apparatus, installed on October 16, 2007, is at present perfectly operating 24 hours per day, and provides an amount of heat sufficient to heat the factory of the Company EON of via Carlo Ragazzi 18, at Bondeno (Province of Ferrara)."

Consumo e costi

Una sola bacchetta di nickel (o una confezione di polvere di nickel) basterebbe come una specie di combustibile per sei mesi (10 kW di potenza). Inoltre, il consumo di idrogeno sarebbe bassissimo. Dopo la prevista commercializzazione del loro Ecat, la ditta produttrice offrirebbe ai loro clienti la sostituzione del "carburante" sostituendo (riciclando) in toto il reattore, il cliente dunque, non dovrà sostituire lui stesso il combustibile. Durante il periodo di sei mesi, il consumo di un reattore da 10 kW ammonterebbe a 100 grammi di nickel e con costi di solo due euro.[12]

Un reattore costerebbe 2000 euro per kW istallati, dunque 20.000 per 10 kW. Durante un' intervista per il programma radio "Coast to Coast AM" (sopratutto conosciuto per la divulgazione di teorie del complotto e ipotesi a proposito della cosidetta "energia libera") Rossi dichiarava nel marzo 2011 che il prezzo per un reattore Ecat potrebbe scendere successivamente fino a 5000 Dollari. La sua mini-centrale prgettata da 1 MW (vicino a Atene) gli costerebbe 2 milioni di dollari.[13]

Secondo la rivista greca "Investors World" del marzo 2011, i reattori progettati potrebbero anche fornire energia elettrica, grazie a un "Inverter" che non viene spiegato con precisione. Per una produzione continua di una potenza di 20 kW (non si capisce se termici o elettrici) il cliente avrebbe da pagare costi di circa 1300 euro all'anno. La ditta greca "Defkalion Green Technologies" voleva garantire che tale energia prodotta sarebbe da considerare "energia rinnovabile", con vantaggi di legge.[14][15][16]

Storia

I primi esperimenti fatti da Rossi e Focardi a Bondeno (Ferrara). (immagine: S.Focardi/it paperblog, maggio 2011 [7])

Già dal 1936 esistono rapporti su "anomalie" nei casi di assorbimento di idrogeno da parte del nickel metallico.

Il 1989 era l'anno della pubblicazione di Fleischmann e Pons che credevano di aver trovato un metodo per realizzare una "fusione fredda" con palladio e deuterio. Nello stesso anno, il biofisico italiano Francesco Piantelli (Università di Siena) segnalava di aver osservato una produzione inspiegabile di calore trattando materiale organico con idrogeno in presenza del catalizzatore nickel. Parlava di temperature fino a 1450 gradi C. Le sue osservazioni furono riprese dalla stampa italiana (in qualche modo sensibilizzata dal tema "fusione fredda"). Più tardi, nel 1995, Piantelli faceva brevettare un metodo per la produzione di energia a base di nickel e idrogeno (primo brevetto Piantelli) e nello stesso anno ottenne un premio "Truffle Prize" durante un "Workshop on Anomalies in Hydrogen / Deuterium Loaded Metals" ad Asti (Piemonte).[17] A partire da questa data si sono formati diversi gruppi di lavoro che studiano interazioni tra nickel e idrogeno (tramite elettrolisi o direttamente con gas di idrogeno e nickel).

Il fisico italiano Sergio Focardi dell'Università di Bologna si dimostrò interessato al fenomeno e iniziò una collaborazione con Piantelli per analizzare il fenomeno. Dopo alcuni anni di ricerca era pronto un reattore sperimentale e il giorno 20 febbraio 1994, durante una conferenza stampa, i due presentarono il reattore al pubblico nell'Aula Magna dell'Università di Siena parlando di "Reazioni Nucleari a Bassa Energia" (inglese LENR) ed evitando di parlare di una fusione fredda. La denominazione fusione fredda non era più di moda nel 1994, perché si era visto nel frattempo che gli esperimenti di Fleischmann e Pons non erano riproducibili e molti gruppi di lavoro avevano abbandonato la ricerca nel settore della fusione fredda. Di nuovo, la stampa era interessata. Ma, come nel 1989, l'esperimento non venne pubblicato come articolo scientifico.

Piantelli e Focardi parlavano della liberazione di 40 ÷ 50 W di potenza termica, in presenza di una potenza di riscaldamento dello stesso ordine. Usavano barre di nickel pretrattati in atmosfera di idrogeno. Fu usato un metodo di degasificazione iniziale, che doveva permettere all'idrogeno di penetrare più facilmente nel metallo. In Italia, l'industria si mostrò interessata e tentò un'applicazione commerciale nonostante i problemi legati al possibile rapporto energetico deludente tra energia di riscaldamento e quello in uscita. Infatti, Focardi ammetterà molto più tardi che non si vedeva una strada percorribile per usufruire dell'energia liberata. Tentando di trasformare tale energia in uscita in energia elettrica, il basso rendimento (forse 15%) non avrebbe permesso di alimentare il riscaldamento. Ditte italiane che si interessarono al fenomeno furono il consorzio T.E.S.C.A. (ditte Bulla, Bergomi, Foglia, Italkero e Ecosystem), la FIAT AVIO SpA e la ditta provita s.r.l.[18]

Nel 2007, Andrea Rossi avrebbe offerto un contratto di collaborazione a Rossi Sergio Focardi.

La presentazione del 14 gennaio 2011

Video dell'esperimento del 14 gennaio 2011 (immagine: Curiosity-Blog)
curva della temperatura, mostrando due periodi (totale: 17 minuti) con una temperatura nelle vicinanze di 100 gradi C. (ricostruzione a partire da un video Youtube del esperimento. vedi sotto)
sovraposizione della curva della temepratura e del sonsumo di energia elettrica di riscaldamento. Da notare un errore di circa 5 minuti. (Un diagramma piu preciso e' in lavoro)
Screenshot del video
andamento temporale della potenza di riscaldamento (fonte: rapporto di G. Levi)
il termometro HP474AC (immagine: www.physicsforums.com)
la pompa "LMI P18" (immagine: www.physicsforums.com)
calcolazione alternativa che non necessita l'intervento di una "energia da una fusione nucleare". (fonto: utente "Ascoli65" - forum "EnergeticAmbiente.it")

Il giorno 14 gennaio 2011 Andrea Rossi e Sergio Focardi organizzavano a Bologna una conferenza stampa, alla quale participarono non solo la televisione italiana RAI3, ma anche altri giornalisti. Erano anche presenti alcuni fisici dell'Università di Bologna. La conferenza stampa avvenne in locali affittati dalla ditta "GM System" nella periferia di Bolgna, e non presso l'Universittà di Bologna, come è stato scritto su alcune pagine web di internet. In concomitanza con la conferenza, si svolse un esperimento con il reattore in una stanza accanto. Una videocamera mostrava lo svolgimento dell'esperimento ai partecipanti alla conferenza. Il reattore riscaldava acqua per formare vapore d'acqua. Circa la durata di questo esperimento esistono diverse asserzioni, ma si può dedurre che non superava i 55 minuti. L'attivazione effettiva del reattore con temperature attorno a 100 gradi C è durata non più di 15 o 20 minuti. Questo suggeriscono i video degli esperimenti che sono visibili su Youtube e la registazione della potenza elettrica di riscaldamento.

Osservando una curva della temperatura sullo schermo di un notebook visibile in uno dei video, questa fa pensare a una durata di 15 ÷ 20 minuti durante i quali la temperatura si avvicinava o superava i 100 gradi C (vedi immagine). Veniva pubblicato un rapporto dal fisico Giuseppe Levi (Università di Bologna, docente di informatica per fisici e di fisica per studenti di informatica) sul blog di Andrea Rossi. In questo rapporto, che parla di una durata di 40 minuti (probabilmente: durata totale), non vengono elencati i dati misurati. Viene calcolata una potenza termica di più di 12 kW (termici), con solo 600 W (elettrici) per il riscaldamento. Sicuramente questi valori non sono esatti. In verità, la potenza di riscaldamento era nell'ordine di un kW (valore medio preciso: 1073 W)[19]. Il minimo era 400 W, il massimo 1550 W. Per motivi sconosciuti, il valore del flusso di acqua di raffreddamento viene indicato con un valore almeno doppio di quello possibile. Come si vede nei video [11][12][13] gli inventori usavano una pompa programmabile del tipo LMI P18 (di colore gialla, facilmente identificabile e distinguibile dai modelli /A/B/C della LMI). Nel rapporto nel blog di Rossi[20] gli inventori parlano di un flusso d'acqua di 292 gr al minuto. L'acqua veniva riscaldata da 20 gradi a 101 gradi con formazione di vapore d'acqua. Secondo il rapporto, il vapore d' acqua era secco.

Alcuni membri del dipartimento di fisica dell'Università di Bologna (molto probabilmente un gruppo di lavoro che riceve un finanziamento da Rossi) potevano eseguire misure proprie, per esempio misure della radiazione. Una spettrometria di raggi gamma fu vietata. Come si vede da un rapporto a parte, non fu rilevata la presenza di raggi gamma o di neutroni. Citazione:

[...] no gamma radiation above the background level in the energy region Eγ > 200 keV has been observed, neither in single counting, not in coincidence;
regardless of the internal details of the reaction chamber, shieldings and other industrial secrets, the γ rates measured with the NaI counters seem not compatible with the rates deduced or expected assuming that the energy production was due to nuclear fusion or decay reactions, as suggested in [1].

La bombola di idrogeno fu pesata (era anche presente una bombola di azoto). Il peso veniva indicato con il valore di 18,6 chili (una fonte) e di 13 chili. Il consumo di idrogeno durante l'esperimento viene riportato con un valore al di sotto di un grammo.[21]

Contraddizioni / perplessità: Nel rapporto si trovano indicazioni poco plausibili. Nemmeno settimane dopo la discussione pubblica delle perplessità (in internet, p.e. www.physicsforums.com), gli inventori e autori non hanno potuto o voluto fare chiarezza. Forse la confusione deriva dal fatto che già nel dicembre 2010 fu fatto un esperimento in condizioni simili e forse alcuni dati provengono da questo primo esperimento del quale si sa poco.

Non fu chiarito la durata precisa dell'esperimento (durata della fase di „attivazione" del reattore). La stima (valutazione) della potenza (12 kW term.) fu criticata, perché derivante dall'asserzione della presenza di vapore secco. Nel video si vede chiaramente una sonda di temperatura avente solo due contatti, che perciò poteva solo servire per la misura della temperatura. Nel rapporto invece si parla di una sonda del tipo HP474AC (della Delta Ohm), che può misurare temperatura (>150 C) e umidità relativa (5-98% con errore 2,5-3,5%). Questa HP474AC non si vede nel video. Un chimico di nome Galantini avrebbe eseguito le misure sul vapore che furono poi trasmessi per email al professore Francesco Celani. Questa email, o i dati contenuti, non furono mai pubblicati.

Il flusso di acqua viene indicato con un valore sicuramente sbagliato o confuso con un altro esperimento. Nel rapporto si parla di un flusso di 292 ml/minuto (= 17,5 litri/ora). Ma la pompa usata (ben visibile nel video, una LMI P18, come si saprà in aprile 2011) permette, secondo le indicazioni del produttore, una portata massima di 12,1 (LMI P18).[22] In un video della presentazione del 14. gennaio 2011 si sentono chiaramente per 30 secondi i "colpi" (strokes) della pompa.[23] La frequenza era di 59 o 60 strokes (+/- 1), indicando che la pompa era regolata al 60% della sua potenza massima di 100 strokes, assumendo che il volume pompato in ciascun ciclo era regolato al suo massimo (circa 2 ml - questo in favore delle asserzioni). Il flusso massimo poteva dunque non sorpassare i 7,2 l/h (LMI P18). Dagli esperimenti di aprile 2011 (vedi sotto) si sa, che si puo calcolare la portata della pompa moltiplicando il volume stroke con la frequenza stroke (come viene anche indicato nella scheda tecnica della pompa.

Di conseguenza, la potenza fu calcolata in base a valori sbagliati, anche tenedo in conto che la potenza di riscaldamento era di 1 kw e non di 600-700 W come viene assertato. Insieme con possibili rilevanti valori di umidità nel vapore (qualche percento), la ipotesi della formazione di vapore soltanto a seguito del riscaldamento non sembra da escludere.

Esperimento non documentato del 10/11 febbraio 2011

Il 10 / 11 febbraio (probabilmente la notte; alcune fonti parlano invece del 18 febbraio) fu eseguito un altro esperimento (denominato "internal test") in presenza del fisico Giuseppe Levi (Univ. di Bologna), che già in gennaio era l'autore del rapporto corrispondente. Un rapporto non fu mai pubblicato o divulgato. Secondo indicazioni di Levi in un articolo online di „Nyteknik col titolo "Cold Fusion: 18 hour test excludes combustion"[24], Levi informa che tale test sarebbe durato 18 ore. Questa volta (probabilmente per risposta alla critica pubblica su internet), venne aumentata la portata dell'acqua di raffreddamento e fu evitata l'evaporazione. Un tubo flessibile collegava questa volta il rubinetto della rete di distribuzione dell'acqua al reattore. Non veniva controllata e registrata la pressione durante tutto l'esperimento. Il flusso sarebbe stato di quasi un litro al minuto, un contatore avrebbe misurato la massa d'acqua che avrebbe attraversato il reattore. La differenza di temperatura viene indicata col valore di 5 gradi. (purtroppo la temperatura di entrata era probabilmente al sotto della temperatura dell'aria, causando un certo errore). Inizialmente, il reattore sarebbe stato riscaldato con 1250 W, successivamente il riscaldamento sarebbe stato spento totalmente (a parte 80 W per i circuiti di controllo). La potenza fu calcolata essere tra 15 e 20 kW (term.), con un consumo di 0,4 grammi di idrogeno per le 18 ore.

Dopo l'esperimento Levi escludeva tutte le reazioni chimiche possibili come fonte di calore:

...Now that I have seen the device work for so many hours, in my view all chemical energy sources are excluded...

La quantità totale di energia liberata viene indicata con il valore di 270 ÷ 300 kWh (circa un GJ) e paragonato all'energia di 26 a 30 litri di gasolio.

Una critica avanzata concerne il luogo dove venne collocata la sonda per la misura dell'acqua riscaldata. Nelle fotografie si vede che tale sonda fu immessa per motivi sconosciuti nel reattore e avrebbe potuto in teoria entrare in contatto con una resistenza interna. La sonda per la misura dell'acqua in entrata fu invece piazzata direttamente nel tubo, poco prima dell'ingresso nel reattore.

Dimostrazione del 29 marzo 2011

(condizioni secondo il rapporto)
29032011.jpg

Il giorno 29 marzo 2011 fu organizzata una dimostrazione con una durata di sei ore. Questa volta erano presenti due fisici svedesi: Sven Kullander e Hanno Essén. Veniva usato un „E-cat" di dimensioni ridotte, che avrebbe dovuto essere in grado di fornire 4,7 kW. L' uso di questo tipo di reattore venne giustificato con generici motivi di „stabilità". Secondo le informazioni che si hanno a disposizione, il reattore avrebbe avuto una potenza calcolata di 4,4 kW e avrebbe liberato insomma circa 25 kWh (termici) di energia durante le sei ore di operazione. Di nuovo venne vaporizzata acqua e venne usata la stessa pompa del 14 gennaio 2011. Il flusso d'acqua (la portata) fu questa volta inferiore alla portata massima indicata dalla ditta produttrice LMI.

Come carburante furono usati 50 grammi di una polvere di nickel. L'idrogeno venne introdotto in una sola volta all'inizio con una pressione di 25 bar, senza evacuare l'aria che si trovava nella piccola camera di reazione (volume circa 50 ccm).

The air of atmospheric pressure was remaining in the container as a small impurity.

Questo potrebbe portare alla formazione di acqua con una reazione chimica convenzionale. Il reattore venne riscaldato con 300 W. Non si capisce bene se tutta la quantita d'acqua in entrata fu trasformata in vapore, perché è visibile un secondo tubo d'acqua in uscita.[25][26][27]

Nell'ambito della dimostrazione, venne tolta la schermatura di piombo e l'isolamento termico da alcuni Ecat, ma non dal modello usato nell'esperimento. I due fisici svedesi vengono citati dalla rivista svedese nyteknik in una specie di rapporto nella quale scrivono di poter escludere reazioni chimiche convenzionali per spiegare la liberazione di calore.[28]

Citazione:

Any chemical process should be ruled out for producing 25 kWh from whatever is in a 50 cubic centimeter container. The only alternative explanation is that there is some kind of a nuclear process that gives rise to the measured energy production.

Dimostrazioni in aprile 2011

19 aprile:condizioni e temperatura
28 aprile 2011: sono accese due resistenze
28 apeile: condizioni e temperatura
28 aprile 2011: Un possibile "ritocco manuale" arretrato della potenza di riscaldamento quando il giornalista filmante era in una stanza accanto. Una variazione arretrata metterebbe in dubbio i calcoli basati su un riscaldamento continuo con solo 315 Watt

Il 19 e 28 aprile furono eseguiti altri due esperimenti. Questa volta in presenza del giornalista svedese Mats Lewan (rivista Nyteknik). Una pubblicazione in una rivista scientifica non sembra essere fatta o prevista. Esistono solo due file "pdf" da Mats Lewan, pubblicati da lui stesso. ([14] [15]). Inoltre esiste un video di pocchi minuti che mostra gli esperimenti del 28 aprile 2011.[29] Come in altri esperimenti del passato, fu riscaldato e portato all'ebolizione dell' acqua. Secondo Lewan, la potenza di riscaldamento sarebbe stata 315 W, misurata una volta con un clamp - ampermetro che mostrava una conrrente di 1,6 A (il giorno 28 aprile). Secondo Rossi, il suo "Ecat" avrebbe fornito piu di 2 kW (termici) di potenza, "amplificando" cosi la potenza di riscaldamento per 8. Come nelle altre volte, fu usata una pompa peristaltica di dosaggio del tipo LMI P18. Sono visibili sul lato della pompa gialla le stesse "impronti digitali sporche" delle altre volte. Durante questi esperimenti, Lewan informa di un flusso d'acqua di 63 - 69 ml/min, valori che sono (questa volta) compattibili con le prestazioni della LMI P18. La frequenza stroke era attorno ai 32 colpi/minuto. Usando un volume stroke di 2 ml (il massimo), si arriva cosi ad un valore di 32x2=64 ml/min. Questo valore corrisponde al valore calcolato da Lewan, dividendo la massa d'acqua trasportata dalla pompa per un determinato periodo di tempo. Di consequenza, i valori sembrano di non solo essere possibili, ma anche attendibili.

L'esperimento ed i dati presentati da Lewan non possono provare una liberazione di calore dell'ordine di 2,5 kW, come lo sostengono Rossi e Lewan. Il giornalista e l'inventore hanno omesso a misurare e registrare in continuazione la potenza erogata dalla presa dei 230 V. Soltanto all'inizio fu misurata la potenza una volta. Stranamente, durante l'esperimento del 14 gennaio, una tale registrazione era possibile. Ad un certo momento, il giornalista Lewan era in una stanza accanto per filmare un tubo nero che serviva per evancuare l'acqua (minuto 3:14). Quando entra nell'altra stanza, non si nota una fuoriuscita di vapore come sarebbe da aspettare. Non vi è ne il rumore del vapore che esce dal tubo (che sentiremo un po' dopo), ne il rumore di gorgoglio che sentiamo quando il tubo viene immerso nell'acqua. Il rumore comincia improvvisamente dopo alcuni istanti il giornalista comincia ad inquadrare il secchio nel quale termina il tubo. Tornando, si vede nel video per un attimo, che Andrea Rossi stava toccando la "scatola blu" di controllo, come se avesse fatto un "ritocco manuale" arretrato della potenza di riscaldamento, forse aumentadola. Una eventuale variazione arretrata della potenza di riscaldamento metterebbe in dubbio tutti i calcoli basati su un riscaldamento continuo con solo 315 Watt.

Nel internet furono avvanzati rumori, secondo i quali un ulteriore esperimento sarebbe stato fatto il giorno 21 aprile dal fisico svedese Essen.[30]. Rossi invece negava tale esperimento.[31]

Dimostrazione del 14 giugno 2011

esperimenti del 14 giugno 2011 (immagine: blog Daniele Passerini)
corrente: 3,5 A (805 W). (immagine: blog Daniele Passerini)
Steven B. Krivit (sx) e Andrea Rossi (immagine: blog Daniele Passerini)
pompa LMI P18 il giorno 14 giugno 2011 (immagine: Daniele Passerini Blog)
il tubo di evacuazione del vapore (immagine: S.B. Krivit)
vapore d'acqua in uscita (immagine: S.B. Krivit)

Il giorno 14 giugno 2011 fu organizzata una dimostrazione di quattro Ecat presso i locali gia conosciuti a Bologna. Fu anche invitato il blogger us-americano Steven B. Krivit ("New Energy Times"). Krivit e altri visitatori potevano scattare foto ed osservare il funzionamento di un Ecat. Come nelle altre volte, non fu permesso di esaminare il "reattore" vero e proprio. Krivit poteva inoltre intervistare l'inventore Andrea Rossi, Sergio Focardi e il fisico Giuseppe Levi dell'universita di Bologna.

Secondo indicazioni di un blog italiano (22passi, Daniele Passerini), ciascun Ecat era collegato alla "control box" tramite due cavi. Tali cavi sono anche ben visibile in fotografie dell' evento. La potenza assorbita era di 805 W (230 V / 3,5 A). Secondo il calcolo di Rossi, la potenza sarebbe stata 748 W (220 V / 3,4 A) e la potenza liberata 5 kW (5000/748=6,7). Ad una temperatura d'ambiente di 31,8 gradi, la temperatura dell'acqua all'ingresso del Ecat sarebbe stata 26,5 gradi. In uscita, la temperatura sarebbe stata 100,1 gradi, segno che tutta l'acqua sarebbe stata vaporizzata. Secondo Rossi, la portata dell'acqua sarebbe stata di 7 kg/ora (=117 gr/min, 1,94 gr/s). Da un video che è stato girato del visitante Steven Krivit, si sente e si vede (dai movimenti del tubo) che la pompa è stata programmata a pompare un volume sconosciuto circa 20 - 24 volte al minuto.[32] Di consequenza, la portata massima non poteva superare 48 grammi al minuto (0,8/s, 2,88 kg/ora).

Tre giorni dopo l'esperimento, Krivit pubblicava un breve e deludente rapporto preliminare (preliminary report).[33] Secondo Krivit, non poteva vedere una fuoriuscita di vapore d'acqua. Solo, dopo sollevando il tubo nero di fuoriuscita poteva notare qualche "vapore bianco" che usciva lentamente dal tubo. Citazione:

..I could see some white steam slowly exiting from the hose. ...

Infatti, nel video di Krivit si vede tale fenomeno. (vedi immagine)

E da notare che vapore d'acqua secco al 100% è invisibile. Vapore "bianco" è invece segno della presenza di goccioline d'acqua condensate. Krivit scrive inoltre nel suo blog che le indicazioni date finora dal "Ecat Trio" (Rossi/Focardi/Levi) sarebbero altamente lacunose e non erano in grado di permettere una valutazione oggettiva.

Thus far, the scientific details provided by the E-Cat trio have been highly deficient and have not enabled the public to make an objective evaluation.

Ma, questo sarebbe anche vero per gli esperimenti di Essen/Kullander che sarebbero stati fortemente influenzate dal "Ecat trio":

..significant weakness in its presentation of data and calculations and is highly constrained by the methodology dictated and instrumentation provided by the E-Cat trio.

Secondo l'impressione di Krivit, non sarebbe chiaro se il fisico Levi avrebbe capito l'importanza delle procedure per dimostrare la secchezza di vapore d'acqua. Inoltre Krivit consigliava di correggere il rapporto di Levi del 21 gennaio 2011. Voleva inoltre ottenere i dati originali del 14 gennaio (rapporto Galantini). Secondo Krivit, Levi avrebbe consentito di pubblicare questi dati, finora tenuti segreti per motivi sconosciuti.

Dopo la pubblicazione del rapporto prliminare di Krivit, l'inventore Rossi reagì in modo irritato e furioso. Nel suo blog, parlava di un "clown" e "serpente" (snake) che avrebbe scritto un "rapporto ridicolo" (e snake report), che "non avrebbe capito niente" e che sarebbe stato mandato da qualcuno per rimpicciolire i suoi risultati. Anzi, parlava di Steven Krivit come un "serpente che si sarebbe infiltrato nell'organizzazione"[34] Inoltre, secondo Rossi, Krivit avrebbe minacciato ed anzi ricattato Levi, e quest'ultimo avrebbe dovuto chiamare aiuto dal suo avvocato:

..Probably this journalist has been sent by someone that wants to dwarf our work. He also tried to blackmail prof. Levi, and Levi already has given to his attorney due. information..[35]

Il fisico Levi reagì pubblicando una lettera pubblica in un blog italiano, rimproverando a Krivit di non avere capiro le sue spiegazioni.[36]

Analisi di campioni del carburante nickel

In anticipo rispetto alla dimostrazione del giorno 29 marzo, i due fisici svedesi Sven Kullander e Hanno Essén ottennero due campioni di polvere di nickel da Andrea Rossi che era in visita in Svezia. Uno doveva contenere il "carburante", cioè polvere di nickel. L'altro campione era il prodotto della presunta fusione nucleare; secondo Rossi avrebbe dovuto contenere la polvere di nickel dopo un uso di due mesi e mezzi (10 kW term.).

I campioni furono analizzati dal Ångström Laboratory (Ångströmlaboratoriet) dell'Università di Uppsala. Nel campione „usato" era presente nickel; in più era presente rame al 10% e ferro all'11%. Nel campione "non usato" era presente solo nickel.

Stranamente, in entrambi i campioni il rapporto isotopico del rame (isotopi 63 e 65) era quello naturale:

Both measurements show that the pure nickel powder contains mainly nickel, and the used powder is different in that several elements are present, mainly 10 percent copper and 11 percent iron. The isotopic analysis through ICP-MS does not show any deviation from the natural isotopic composition of nickel and copper.

I valori sarebbero: 63Cu 70%, 65Cu 30%. Secondo Sven Kullander, questo fatto sarebbe difficilmente compatibile con una possibile reazione di fusione nucleare:

If this reaction chain would be true even though none of the responses that I mention can be made with the knowledge we have today, then isotopic distribution Cu-63/Cu-65 be greater than 80/20, probably closer to 99/01.[37]

Il rapporto isotopico naturale del rame (63Cu rispetto a 65Cu) è 2,24 (69,17 % / 30,83 %). Sergio Focardi aveva affermato nel passato, che il rame "prodotto" avrebbe invece un rapporto isotopico diverso da quello naturale e indicava un valore di 1,6 (invece di 2,24).[38] (esistono altri isotopi del rame, che però sono instabili e non si trovano in natura, 69,17% + 30,83% = 100%).

E' da considerare quasi impossibile immaginare un tale rapporto isotopico assumendo una reazione di fusione di lunga durata e che avrebbe dovuto coinvolgere una quantità rilevante del "carburante" nickel.

In teoria, gli isotopi stabili del rame (63 e 65) possono derivare per fusione nucleare dagli isotopi 62Ni e 64Ni, che sono presenti nel nickel naturale e commercialmente reperibile (anche se tale fusione „calda" dovrebbe avvenire in una stella ad elevata massa in presenza di enormi temperature e pressioni). Ma, nel campione di partenza („non usato") la somma dei isotopi 62Ni e 64Ni costituisce solo il 4,5% del nickel. Ammettendo che tutti gli isotopi 62/64 avessero subito una fusione con idrogeno (caso molto improbabile), il rame come prodotto (i due isotopi stabili di rame) non può raggiungere i livelli misurati del 10%, anche tenendo conto che il nickel di origine commerciale è probabilmente sempre un po' contaminato con rame. Il nickel prodotto elettroliticamente è di solito puro al 99,9%, con il metodo „Mond" si possono raggiungere anzi valori del 99,99%.

Vie alternative per una possibile reazione di fusione di nickel sono immaginabili, ma estremamente improbabili:

A partire dall'isotopo stabile e abbondante 58Ni, si potrebbero formare isotopi instabili del rame, che in fine possono formare rame 63Cu:

58Ni > 59Cu > 59Ni > 60Cu > 60Ni > 61Cu > 61Ni > 62Cu > 62Ni > 63Cu.

Ma, anche in questo caso ipotetico, il rapporto isotopico sarebbe diverso da quello misurato in Svezia. Inoltre questa catena sarebbe accompagnata da una forte radiazione.

Tentativi di replica

Fino ad ora (aprile 2011) non sono conosciuti tentativi da parte esterna di replicare il principio proposto da Rossi e Focardi. Furono però eseguiti tentativi di replicare gli esperimenti fatti prima da Piantelli e Focardi (presunta fusione nucleare tra idrogeno e barre di nickel senza uso di un particolare "catalizzatore" segreto). Tali esperimenti non hanno potuto mostrare la possibile liberazione di calore in questi casi.

  • Nel 1996 un gruppo guidato da Antonino Zichichi del CERN di Ginevra tentò senza successo durante un anno di replicare gli esperimenti di Piantelli. Gli autori parlano di aumenti di temperatura, escludono però una particolare liberazione di energia:
The authors state, "We have found the [Piantelli-Focardi group's] results to be consistent with our observations; namely we measured higher temperatures for the same input power when hydrogen is absorbed during a heating cycle. Nevertheless this temperature rise does not appear to correspond to an increase in heat production. We have added a temperature sensor to the container of the experiment. The temperature of the container follows the same temperature with input power curve irrespective of whether there is an anomalous absorption of hydrogen or not; therefore we have no evidence that this temperature increase corresponds to another source of heat. In conclusion, we have observed all the effects discovered by Focardi et al., but our results imply that there is no production of power associated with the absorption of hydrogen by nickel."[39]
  • 1998 - 1999 furono eseguiti a Pavia esperimenti di replica da Luigi Nosenzo e Luigi Cattaneo. Durante alcuni mesi, nessuna fusione nucleare o liberazione di calore potè essere osservata.[40]
  • A fine maggio 2011, il fisico americano Brian Ahern distribuiva una email nella quale parlava di propri esperimenti fatti con una lega macinata di zirconio-nickel-rame e riscaldata in presenza di idrogeno a piu di 500 gradi. Secondo Ahern, avrebbe osservato una produzione anomala di energia nell'ordine di 5-10 watt termici. Una pubblicazione degli esperimenti non fu fatta (giugno 2011). Ahern è conosciuto di essere sostenitore della "fusione fredda" ed è il fondatore della ditta Vibronic Energy technologies Corp., che tenta di sfruttare la fusione fredda.[41][42][43]

L’inventore Andrea Rossi

Andrea Rossi durante il "processo Petroldragon" (immagine: "l'Unita")
proposta della "fabbrica di titoli", la ditta "Kensington University Inc."
CV di Andrea Rossi sulla sua homepage (4 marzo 2011)
ditta Petrol Dragon a Airuno (immagine: merate online [8])
ditta Petroldragon (immagine: l'Unita")
Andrea Rossi davanti ad un suo reattore della ditta Petroldragon (immagine: l'Unita")

Il catalizzatore di energia non è la prima invenzione di Andrea Rossi. Negli anni 70 e 80 Rossi aveva tentato di estrarre combustibili (idrocarburi) da rifiuti. In articoli di giornali dell'epoca fu soprannominato Sceicco della Brianza. Nell'ambito dello scandalo Omar-Petroldragon, Rossi fu coinvolto in numerosi avvisi di garanzia e processi penali (più di 50) e fu arrestato almeno due volte. Su Wikipedia italiana esiste un articolo a questo proposito:[16]. Secondo l'accusa, Rossi avrebbe permesso alla Petroldragon di stoccare rifiuti anche tossici in varie aree quasi mai idonee, generando una situazione che porterà a 11 indagini da parte di diverse procure. L'allora assessore dell'ambiente della Regione Lombardia revocò alla Petroldragon la licenza di smaltimento dei rifiuti e di conseguenza l'azienda fu chiusa.Nel 1995 Andrea Rossi fu incarcerato per "associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale per un'attività di lavorazione e commercio di materiali preziosi", causa un traffico di lingotti d'oro tra la Svizzera e l'Italia. Rossi invece vede nelle accuse e condanne una sorta di repressione di un suo particolare metodo di occuparsi di ecologia. Dopo la serie di processi, decise di trasferirsi negli Stati Uniti.

Nel suo CV, inserito sul suo sito Internet, Rossi informa di essersi laureato in filosofia presso l'Università di Milano.[44] (vedi immagine del 4. Marzo 2011).

Inoltre informa di avere conseguito un'altra laurea in "Ingegneria Chimica" presso una ditta californiana denominata "Kensington University Inc". Questa ditta era stata registrata alle Hawai, ma era attiva nella città di Glendale, California. [45] Fino alla sua chiusura forzata da un tribunale nel ottobre 2003, come „fabbrica di titoli" questa ditta forniva vari titoli accademici a pagamento.[46][47][48]. In seguito a una sentenza, la ditta fu condannata a restituire ai clienti il denaro versato. (vedi immagine).[49]

Nel marzo 2011, a Rossi fu contestato dal giornalista svedese Mats Lewan (Nyteknik) di esibire un titolo (ingegnere) emesso da una nota fabbrica di titoli. Rossi rispose di avere ottenuto il titolo honoris causa, concesso in seguito ai brevetti ottenuti nel „biodiesel". Inoltre non conoscerebbe niente di più sulla ditta "Kensington University Inc."[50]

EON Srl e Leonardo Corporation

Condominio con appartamenti privati all'indirizzo della ditta "Leonardo Corp." a Miami Beach (1331, Lincoln rd Miami Beach, App. 505). immagine: Google street view
documento della registrazione della "Leonardo Corp." a Miami Beach
seconda pagina

Una ditta italiana che spesso viene nominata in relazione al catalizzatore di energia di Rossi e Focardi è la EON srl di Rossi con una sede sia a Bondeno (prov. di Ferrara)[51], sia a Roma[52]. Presso la sede della EON di Bondeno un "E-cat" sarebbe stato usato per un lungo periodo a scopo di riscaldamento a costi quasi zero. Rossi sostiene inoltre di aver usato uno dei suoi presunti reattori nucleari a casa sua per riscaldare l'acqua. Non esistono prove o testimoni per queste asserzioni. Esiste una disposizione provinciale del 2006 che autorizza la EON di Bondeno di gestire una piccola centrale elettrica da un MW elettrico a base di biodiesel.

Negli Stati Uniti esiste a Bedford nello New Hampshire una "Leonardo Corporation"[53]di proprietà di Andrea Rossi. L'indirizzo email della Leonardo Corporation è identico a quello della EON srl in Italia. Secondo Rossi, questa ditta sarebbe anche autorizzata a produrre i suo E-cat. Attualmente (aprile 2011), la Leonardo corporation americana offre piccole centrali elettriche a base di biodiesel che avrebbero elevati valori di efficienza grazie a un raffreddamento intermedio, a caricatori turbo e a una tecnica brevettata „EON" che permetterebbe di sfruttare una parte del calore liberato dal generatore. Forse si tratta del tentativo di sfruttare l'effetto Seebeck usando elementi termoelettrici. Rossi sostiene di aver inventato tali elementi termoelettrici che offrirebbero l'elevatissimo rendimento del 20%.

Leonardo Technologies Inc.

elemento termoelettrico della LTI con un presunto rendimento del 20%

La Leonardo Technologies Inc. (LTI) negli Stati Uniti era un'altra ditta fondata di Rossi con sede attuale a Bedford nello New Hampshire. Fu venduta da Rossi alla fine degli anni 90. Questa ditta offre elementi termoelettrici con valori d'efficienza da definire „miracolosi". Gli elementi sfruttano l'effetto Seebeck (vedi anche effetto Peltier), generando energia elettrica in presenza di un gradiente di temperatura. Le tensioni generate sono bassissime (dell'ordine dei millivolt), ma tensioni più elevate possono essere ottenute grazie ad una messa in serie di tali elementi. Però, per diverse ragioni, i rendimenti pratici di tali elementi sono bassi. Si riesce attualmente a ottenere solo 2 o 4 per cento di rendimento. Per questo motivo, tali elementi sono solo in uso nel settore militare o in satelliti, in situazioni dunque dove i costi sono secondari e dove non esiste un'alternativa (es: „batteria al plutonio").Per un uso commerciale ed industriale un rendimento del 15% o più sarebbe indispensabile. Ed è proprio questo che voleva realizzare la LTI di New Hampshire. Rossi aveva inventato un elemento termoelettrico a base di semiconduttori con un rendimento del 20%. Inoltre veniva asserito che la LTI sarebbe in grado di realizzare generatori termoelettrici composti da numerosi tali elementi e con elevate potenze. Rossi parlava di parecchi kW di potenza. Un certo modello di generatore di quel tipo avrebbe dovuto erogare un ampere a una tensione di cento Volt (100 W). Per lo sviluppo dei generatori collaborò anche l'Università dello New Hampshire. Il dipartimento della difesa americana (DoD) era interessato e incaricò la ditta CTC (Johnstown, PA) di valutare i prodotti della LTI. La perizia della CTC venne poi pubblicata dal Dod [54] Nella perizia venne messo in evidenza che la maggior parte degli elementi termoelettrici non era funzionante; di 27 elementi solo 8 funzionavano. Invece di produrre da 800 a 1000 W, il generatore esaminato produceva soltanto un Watt. Altri elementi inviati successivamente erano funzionanti, ma non avevano rendimenti superiori ad altri prodotti sul mercato.

Defkalion Green Technologies

Defkalion logo.jpg
il gruppo dirigente (immagine: Rainews)
l'uomo forte Alexandros Xanthoulis
David C. Aurel, Managing Director. Aurel e anche CEO della Invest Bank Montenegro
inventore Rossi con Hauard Chen di una "China Research Center for Public Policy"
citazione: The science behind the Ecat increases the probability of particles overcoming the electrostatic potential Coulom barriers in order to penetrate the nucleus by the quantum mechanical tunneling effect, yielding in an exothermic reaction between Hydrigen and Nickel. By decreasing the surface upon which a given amount of pressure is exerted, the odds for the tunneling effect to occur are increased, allowing für higher penetrability of the Coulomb barrier. (pagina web della Defkalion 24 giugno 2011)

A Atene esiste la piccola ditta "Defkalion Green Technologies S.A."[55] (posseduta da investitori sconosciuti non italiani. La ditta sembra essere stata creata solo per commercializzare l'E-cat di Rossi e Focardi; non si conoscono altre attività della ditta. Sulla sua pagina web viene indicato un indirizzo in Atene[56] Il nome Defkalion deriva da Deukalion, personggio dell' antica mitologia greca e figlio di Prometheus.

Secondo indicazioni della Defkalion, i proprietari sarebbero soppratutto greci con dimora in Canada. Inoltre sarebbero persone della regione medioorientale. Shareholder piu importante è la ditta cipriota "Praxen Defkalion Green Technologies Ltd" di Limassol (Cipro).

Come presidente della Defkalion viene indicato un George Sortikos. Uno dei vicepresidenti è Christos Stremmenos, nato 1932, professore emerito dell' universita di Bologna e ex-ambasciatore greco in Italia. La persona piu importante della Defkalion sembra essere Alexandros Xanthoulis (nato 1954), che rappresenta anche la Praxen Defkalion Green Technologies Ltd. cipriota. Da notare anche un David C. Aurel, che è anche CEO della banca "Invest Bank Montenegro" di Podgorica. Come incaricato per i contatti con la stampa viene indicato un certo Symeon Tsalikoglou. Il contato con nuovi investitori viene gestito da Alexandros Xanthoulis. Il responsabile della domain internet è un certo Andreas Meintanis a GR-19200  Elefsina. [57]

Durante l'anno 2011 gli investitori sconosciuti della piccola Defkalion Green Technologies S.A. intendono offrire reattori E-cat per clienti industriali sotto la marca "Hyperion" (non da confondere con l'omonima ditta americana che prevede di vendere piccoli reattori a fissione). La Defkalion progetta inoltre di costruire entro ottobre 2011 una piccola centrale elettrica da un MW in Grecia. Tale futura centrale funzionerebbe sulla base di 300 E-cat collegati insieme (inizialmente avrebbero dovuto essere 100, poi 120 ). Rossi ha dichiarato che la Defkalion avrebbe il diritto di produrre i suoi reattori almeno per la Grecia e i paesi balcanici; forse per tutta l'Europa.

Secondo la "Investors World" greca, la Defkalion avrebbe già acquistato una vecchia fabbrica nella località Xanthi per costruirvi una centrale elettrica da un MW. Secondo la stessa fonte, il professore Christos Stremmenos, vecchio ambasciatore greco in buoni rapporti col governo greco, avrebbe provveduto a ridurre al minimo eventuali problemi amministrativi.

L'idea commerciale: la Defkalion prevede un noleggio/leasing di Ecat a clienti privati. Sarebbe previsto il noleggio di un Ecat con una potenza continua di 10 kW per 1300 euro all'anno, inclusi i costi per il "carburante".

AmpEnergo

Coldstream Park Office Park (immagine: NAI Norwood Group, Bedford NH)

La ditta di start-up us-americana AmpEnergo Inc. è stata fondata in aprile 2009 e si trova a Bedford, New Hampshire.[58][59] (Web: [17]). Il presidente della AmpEnergo è l'agente immobiliare Karl Norwood di Bedford. Nel mese di marzo 2011 fu firmato un accordo tra la AmpEnergo e la Leonardo Inc di Rossi, che autorizza la AmpEnergo la vendita di futuri Ecat negli Stati Uniti, la Leonardo essendo la ditta produttrice. Secondo la rivista svedese Nyteknik, Rossi avrebbe gia ricevuto pagamenti dalla AmpEnergo.[60] According to the same source, the company is seeking investors.

La AmpEnergo si trova in un "Coldstream Park Office Park" a Bedford. L'indirizzo della ditta è identica a quella di due altre ditte di Karl Norwood, la "NAI Norwood Group" e la "Norwood Management Karl Norwood Inc."[61][62]. Anche la "Leonardo Corp." di Andrea Rossi, la "Leonardo Technologies Inc." e la "EON" hanno non solo lo stesso indirizzo[63], ma usano anche lo stesso numero di telefono ((603) 668 7000).

Il numero di telefono della ditta Ampenergo è sconosiuto. Sulla pagina web della ditta non viene presentato (maggio 2011) e non figura sulle pagine "gialle" online negli stati uniti (maggio 2011).

Finanziamenti e collaborazione con l’Università di Bologna

Secondo l'inventore Andrea Rossi, egli avrebbe finanziato con 500.000 Euro (o anzi un milione di euro) ricerche e attività del Dipartimento di Fisica dell'Università di Bologna, dove esisterebbe un gruppo di lavoro guidato dal fisico Giuseppe Levi (ex membro dello „board of Advisers" del blog di Rossi di nome „Journal of Nuclear Physics"). [64]

Secondo la "Investors World", investimenti di 200 milioni di euro sarebbero in gioco, dei quali 100 milioni sarebbero destinati all'inventore. Quest'ultimo ha dichiarato di volere usare eventuali fondi in parte per aiutare bambini affetti da cancro:

The 500,000 Euros I am paying to the University of Bologna is my last money, but when I deliver the one-megawatt plant to Defkalion I get cash back. From then on, 50% will be used for expansion and 50% to treat children with cancer. I will personally look for the children whose families cannot afford their care..[65]

Secondo indicazioni di Rossi, nessun cliente avrebbe versato soldi in anticipo (come è spesso il caso nel settore di „macchine a energia libera" o perpetuum mobile - vedi i casi Hydrino, Perendev e cosi via).

Journal of Nuclear Physics

JONP.jpg
JONP2.jpg

Rossi diffonde notizie, opinioni e rapporti tramite un suo blog su internet intitolato "Journal of Nuclear Physics" (JONP), che disporrebbe di un "peer-review" conosciuto in ambito scientifico. Che non si tratti di una rivista scientifica online appare dal sottotitolo del blog: "Nuclear experiments blog".

"Journal of Nuclear Physics" era in passato il titolo di una rivista russa. Un articolo su Wikipedia inglese che elencava tutte le riviste di questo nome è stato cancellato cancellato nel frattempo.

Il blog di Rossi elenca un "Board of Advisers", che attualmente (aprile 2011) è composto da 8 persone: Prof. Sergio Focardi (INFN ­ University of Bologna ­ Italy), Prof. Michael Melich (DOD ­ USA), Prof. Alberto Carnera (INFM ­ University of Padova ­ Italy), Prof. Pierluca Rossi (University of Bologna ­ Italy), Prof. Luciana Malferrari (University of Bologna ­ Italy), Prof. George Kelly (University of New Hampshire ­ USA), Prof. Stremmenos Christos (Bologna University ­ Italy) e Richard Noceti, Ph.D. (LTI-global.com).[66] Di alcune di queste persone non si capisce perché sarebbero qualificate nel campo della fisica.


Il nominato George Kelly non sembra di fare parte dello staff dell'Università di New Hampshire; rimane incerto di chi si tratta o se esiste veramente. Uno psicologo dello stesso nome è già deceduto. Michael Melich, indicato come impiegato del DoD, conosciuto anche per pubblicazioni sulla fusione fredda e per certe sue strane affermazioni, secondo le quali sarebbe da considerare una specie di agente appartenente a un servizio segreto americano con il compito di indagare nella scena internazionale della „fusione fredda".

Il fisico bolognese Giuseppe Levi fu tolto dal board of advisers alla fine di gennaio 2011. Come Rossi, aveva pubblicato in questo blog, essendo nello stesso tempo "adviser".

Brevetti e richieste di brevetti

dalla richiesta di brevetto WO 2009/125444 di Rossi

Rossi ha fatto un richiesta di brevetto nel 2009 (WO 2009/125444 A1 EP 02259998 A1).[67] L'Ufficio Brevetti europeo, essendo una delle „International Searching Authorities" della WIPO (World Intellectual Property Organization, WIPO), emette una valutazione negativa del brevetto. Si osserva che l'invenzione non è stata presentata in un modo comprensibile e che l'inventore non ha dimostrato come dall'interazione tra nickel e idrogeno si libererebbe calore. L'invenzione sembrerebbe inoltre essere in contrasto con le leggi della fisica accettate. Citazione:

As the invention seems, at least at first, to offend against the generally accepted laws of physics and established theories, the disclosure should be detailed enough to prove to a skilled person conversant with mainstream science and technology that the invention is indeed feasible. [...] In the present case, the invention does not provide experimental evidence (nor any firm theoretical basis) which would enable the skilled person to assess the viability of the invention. The description is essentially based on general statement and speculations which are not apt to provide a clear and exhaustive technical teaching.[68]

I brevetti devono spiegare ad esperti in materia come realizzare l'invenzione. Inoltre, al momento della richiesta deve essere fornito il metodo di applicazione più avanzato. Invece Rossi non fornisce informazioni sul suo catalizzatore segreto e non spiega il suo metodo di arricchimento isotopico del nickel a basso costo.

Sulle pagine web della WIPO è reperibile una risposta da parte dell'avvocato di Rossi di nome Cicogna del 17 dicembre 2010[69].

Nella sua risposta, Cicogna scrive che Rossi rinunciava a 6 delle 15 rivendicazioni di brevetto. Nello scambio di lettere viene anche enunciato un brevetto del luglio 2005 del fisico giapponese Yoshiaki Arata: Hydrogen condensate and method of generating heat therewith., EP1551032 [18]). Arata crede di poter produrre una „arata energy ed elio a partire da idrogeno condensato in granuli di metallo (metal nano-ultrafine particle , tra questi anche nickel).

Il brevetto italiano di Andrea Rossi (IT MI20080629) fu concesso in aprile 2011.

Altri brevetti di Andrea Rossi:

  • US 2002/0046762 A1 "Thermoelectric generators", Erfinder: Andrea Rossi. Filing date: Oct 4,2001[72]

WO0229908 THERMOELECTRIC GENERATORS (patent withdrawn). published on 03.03.2004. Applicant(s) Leonardo Technologies, Inc., 116 South River Road, Bedford, NH 03110 / US. Inventor(s) ROSSI, Andrea, c/o Leonardi Technologies, Inc.

Brevetti di Francesco Piantelli:

  • WO 95 20816 A1, Francesco Piantelli: Energy generation and Generator by means of anharmonic stimulated fusion
  • EP 0767962 B1 (1995), Piantelli, F., Energy Generation and Generator by Means of Anharmonic Stimulated Fusion. Patent
  • WO 2010058288 A1: PIANTELLI SILVIA; PIANTELLI FRANCESCO, METHOD FOR PRODUCING ENERGY AND APPARATUS THEREFOR. 2010-05-27.

Accoglienza, eco dei media e critiche

Articolo di "Oggi"
uno dei rari articoli critici in Italia ([9])
Il gionalista svedese e sostenitore di Andrea Rossi, Mats Lewan (Nyteknik)

Un'accoglienza rilevante da parte di esperti, enti o associazioni del settore risulta finora mancante. Non esiste letteratura scientifica sull'argomento. Il tentativo degli inventori di pubblicare un articolo sulla rivista online (senza peer-review) "arXiv.org" (A. Carnera, S. Focardi, A. Rossi, to be published on Arxiv..) è fallito. Esistono articoli su Wikipedia inglese, italiana e svedese. Un articolo su Wikipedia tedesca fu cancellato „per mancanza di letteratura e di fonti citabili". Solo pochi esperti del settore hanno pubblicamente espresso la loro opinione. (esempi [19][20][21]Peter Ekström: Kall Fusion på italienska,aprile 2011 (svedese/inglese)).

Blogger e sostenitore di Andrea Rossi, Daniele Passerini di Perugia. Passerini è vecchio amico di scuola di Giuseppe Levi. (immagine: blog "22passi")

Uno dei sostenitori di Rossi e Focardi è il premio Nobel inglese Brian Josephson che è anche uno degli autori dell'articolo sul E-cat di Wikipedia inglese[70]. E' noto che Josephson crede nella realizzabilità della fusione nucleare fredda.

In Italia Rossi e la sua invenzione sono stati tema di almeno 6 articoli della stampa nazionale o locale italiana. Rai3 era presente con una équipe a una delle presentazioni pubbliche a Bologna. Rainews ha dedicato una trasmission a Rossi e la sua invenzione[71]. Da notare uno o due interviste su radio private italiane (p.e. "radio città del capo").

In Grecia se ne è parlato in una rivista di economia e in una trasmissione televisiva. In Svezia Mats Levan (che è anche attivo su Wikipedia inglese) della rivista di scienza popolare „Nyteknik" si è occupato più volte del tema.

Negli Stati Uniti la conservatrice „Washington Times" (di proprietà della setta Mun, con una diffusione di 40.000 copie al giorno, da non confondere con la prestigiosa „Washington Post") ha pubblicat un cauto articolo sull'invenzione di Rossi.[72].

Inoltre da notare un'intervista a Rossi nella trasmissione notturna „Coast to Coat AM", conosciuta per la diffusione di teorie di complotto e pseudoscienze di ogni tipo, non considerata dagli esperti.

In Italia, uno dei critici è il chimico nucleare emiliano Camillo Franchini. Un critico svedese è il fisico nucleare Peter Ekström dell'Università di Lund. Ekström vede nell'invenzione uno "Hoax" e pseudoscienza e la paragona a asserzioni fatte da venti anni dal medico e ingegnere americano Randell Mills (ditta Blacklightpower ­ vedi teoria degli Hydrino).

Anche il fisico svedese Kjell Aleklett dell'Universita di Uppsala ha pubblicato una critica nel suo blog.Kjell Aleklett "Rossi energy catalyst ­ a big hoax or new physics?"

Letteratura ed articoli

  • Giuseppe Levi: "Report on heat production during preliminary tests on the Rossi “Ni-H” reactor", Univ. Bologna, gen. 2011 (anche: [22])
  • "Il ritorno della fusione fredda", articolo in "Query", 31.1.2011
  • "Il ritorno della fusione fredda: ci risponde Levi", articolo in "Query", 2.2.2011
  • Focardi S., Habel R., and Piantelli F., "Anomalous Heat Production in Ni-H Systems," Nuovo Cimento, Vol. 107A, p. 163-167, (1994)
  • Notoya, R. et al., "Tritium Generation and Large Excess Heat Evolution by Electrolysis in Light and Heavy Water-Potassium Carbonate Solutions With Nickel Electrodes," Fusion Technology, Vol. 26, p. 179, (Sept. 1994)
  • Cerron-Zeballos, E., Crotty, I., Hatzifotiadou, D., Lamas Valverde, J., Williams, M.C.S., and Zibichi, A., "Investigation of Anomalous Heat Production in Ni-H Systems," Nuovo Cimento, Vol. 109A, p. 1645-1654, (1996)
  • Mengoli, G., Bernardini, M., Manducchi, C., and Zannoni, G., "Anomalous Heat Effects Correlated With Electrochemical Hydriding of Nickel," Il Nuovo Cimento, Vol. 20 D, p. 331-352, (1998)
  • Battaglia, A., Daddi, L., Focardi, S., Gabbani, V., Montalbano, V., Piantelli, F., Sona, P.G., and nesi, S., "Neutron Emission in Ni-H Systems," Nuovo Cimento, Vol. 112 A p. 921-931, (Sept. 1999)
  • S. Focardi, V. Gabbani, V. Montalbano, F. Piantelli, S. Veronesi. "Large excess heat production in Ni-H systems". Il Nuovo Cimento Vol. 111 A, N.11 pp. 1233, novembre 1998
  • Cerron-Zeballos, E., Crotty, I., Hatzifotiadou, D., Lamas Valverde, J., Williams, M.C.S., and Zichichi, A., "Investigation of Anomalous Heat Production in Ni-H Systems". Nuovo Cimento, Vol. 109A, p. 1645-1654, (1996).
  • Adalberto Piazzoli. "Fusione Fredda? Una ricerca italiana". CICAP - Scienza & Paranormale N. 78 (Mai 2008)

Articoli di giornali

Questo articolo in altre lingue

Weblinks

Video

Riferimenti

  1. Piantelli, F., Energy Generation and Generator by Means of Anharmonic Stimulated Fusion. Patent EP 0767962 B1, 1995. [ https://data.epo.org/publication-server/pdf-document?PN=EP0767962%20EP%200767962&iDocId=4823352&iepatch=.pdf ]
  2. WO 2010058288 A1: METHOD FOR PRODUCING ENERGY AND APPARATUS THEREFOR. 2010-05-27. Erfinder: PIANTELLI SILVIA; PIANTELLI FRANCESCO
  3. S. Focardi, V. Gabbani, V. Montalbano, F. Piantelli, S. Veronesi. "Large excess heat production in Ni-H systems". Il Nuovo Cimento Vol. 111 A, N.11 pp. 1233, novembre 1998
  4. Sergio Focardi in una email: [...] mostra l'esistenza di Cu (non presente inizialmente) i cui due isotopi stabili sono in un rapporto diverso da quello naturale [...]
  5. Battaglia, L. Daddi, S. Focardi, V. Gabbani, V. Montalbano, F. Piantelli, P.G. Sona, S. Veronesi. "Neutron emission in Ni-H Systems". Nuovo Cimento 112A, pp. 921, 1999.
  6. Powder nickel: Gerli Metalli--Milan
  7. [ http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=338 E. Stremmenos: Hydrogen/Nickel cold fusion probable mechanism. Journal of nuclear physics, 12.12.2010]
  8. http://en.wikipedia.org/wiki/Cobalt_extraction_techniques#Recovery_from_nickel-cobalt_sulfide_concentrates_.28Sherritt_process.29
  9. http://it.wikipedia.org/wiki/Ciclo_del_carbonio-azoto
  10. S. Romanowski, W. M. Bartczak, R. WesoÅ‚kowski: Density Functional Calculations of the Hydrogen Adsorption on Transition Metals and Their Alloys. An Application to Catalysis, (3.8.1999), Langmuir, 1999, 15 (18), pp 5773­5780 - DOI: 10.1021/la981339q [1]
  11. S. Focardi, A. Rossi: A new energy source from nuclear fusion., journal og nuclear physics. [2]
  12. Nyteknik-Chat 12.03.2011, [ http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3124295.ece ]
  13. interview Andrea Rossi radio "Coast to Coast AM" del 23 marzo 2011 [3]
  14. "talefta"[4]
  15. Articolo di "Investors World"
  16. "Investors World Article">Articolo nella rivista greca "Investors World" del 12 marzo 2011, pp 20-21
  17. "Truffle Prize", second Asti Workshop on Anomalies in Hydrogen / Deuterium Loaded Metals, 1995
  18. http://www.enea.it/produzione_scientifica/pdf_volumi/V2008_16Cold_Fusion_Italy.pdf
  19. http://www.e-catalyzer.se/viewtopic.php?f=2&t=7
  20. http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=360
  21. http://www.psiram.com/doc/Levi%2C_Giuseppe_-_Report_on_heat_production_during_preliminary_tests_on_the_Rossi_Ni-H_reactor_%282010-2011%29.004810.pdf]
  22. http://www.lmipumps.com/Files/lmi/Global/US-en/site_files/seriesj5.pdf
  23. http://www.youtube.com/watch?v=u-Ru1eAymvE
  24. Mats Lewan: Cold Fusion: 18 hour test excludes combustion, "nyteknik.se", articolo del 23.2.2011.Text
  25. http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3144827.ece
  26. http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3144772.ece
  27. http://22passi.blogspot.com/2011/04/i-fisici-svedesi-sulle-cat-e-una.html
  28. "Report_Kullander" [5]
  29. http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3166451.ece
  30. http://energycatalyzer.blogspot.com/2011/04/rossi-brings-e-cat-to-stockholm-royal.html
  31. http://energycatalyzer.blogspot.com/2011/04/andrea-rossi-no-e-cat-test-at-uppsala.html
  32. *http://www.youtube.com/watch?v=m-8QdVwY98E
  33. Krivit S.B.: Preliminary Report of Interviews with E-Cat Trio Rossi, Focardi and Levi. 16 giugno 2011. New Energy Times Blog. [6]
  34. June 19th, 2011 at 9:17 AM
    Dear Staffan:
    Your comment opens the space to an intriguing consideration. Many Scientists have taken the correct approach: wait for the 1 MW plant in operation, then make due considerations. This is what smart People did. About pseudo-Scientists and their reaction to my Effect: probably you have read of the “Snake” report after an interview he made in Bologna. Now, as probably most of you have understood, we have very good , (VERY GOOD), intelligence working with us; after the “snake” (disguised as a journalist) who has this week penetrated our organization and made a report based on a fake steam diagram, we asked to our intellicence organization to probe what was behind, and we discovered that: 1- The fake diagram of steam has been given to the “snake” from an Italian competitor that is afraid to lose the funds due to the fact that the taxpayers are tired to give him money while we have reached results without any funding 2- this Italian clown has been given the fake diagram fro an American Laboratory, competing with us, which gave it to him for the same reason 3- the snake has been sent to us to try to dwarf us to allow them to get funding All this is very funny. The names and the particulars of this paper tigers will be explained from me as an anecdote after the start up of the 1 MW plant in Greece: after the start up, after the explication of the theory, this will be the dessert. Something to laugh with.
    Warm Regards,
    A.R.
  35. Dear Craig:
    Mr Krivit has understood nothing of what he saw, from what I have read in his ridiculous report… This guy has seen for half an hour an E-Cat in the factory where we make many tests, made some questions to Prof. Levi, Prof. Focardi and me. Evidently has understood nothing, perhaps for the short time we gave him, also because we have to work. Prof. Levi has explained very well to him how the measures have been made and the importance of the issue. He has explained very well that the percentage of uncondensed water in the steam has been measured in weight (in volume is impossible, for various reasons), and he also got confirmation of this from a specialist from whom he has taken indipendent counsel. Nevertheless, he has understood nothing, or wanted not to understand, for reasons he better knows. Our tests have been performed by Physics Professors, who know how to make measures , and I am measuring the performance every day on 300 reactors.
    In any case we will start our 1 MW plant in october and we will see how it works. Of course I assure his considerations are invalid, but I want to say more: our products on the market will confirm this. Probably this journalist has been sent by someone that wants to dwarf our work. He also tried to blackmail prof. Levi, and Levi already has given to his attorney due. information .
    Warm Regards,
    A.R.
    17 giugno 2011 11:48
  36. Dear Mr. Krivit
    Carefully I have read your preliminary report on your travel to Bologna .
    Your report Clearly Demonstrates That You have not understood anything of what you have and what we have seen you Explained.
    First of all the story about the steam.
    As the signature in my email says I got a PhD in Physics Years Ago.This Means That I have totally Understood the difference Between residual water in steam as fraction of the mass or volume. As I have unsuccessfully tried to explain you:
    1) The plots are showing you where you can find well known and Them in Any manual of physical chemistry.
    When You apply the measure the quantity of steam present as% of VOLUME.
    2) As I have told you many times, Dr. Galantini, the expert chemist That Was in charge, have done to measure as percent of MASS.
    As Professor Zanchini has told you the Same Day We Met, one of the informations you have crutial omitted from your preliminary report, fraction of water in the steam, Measured by MASS as we have done, would reduce the amount of energy in a Measured linear way.
    So our analysis and our calculation is correct.
    Because you:
    Part of You Had omitted information, insulted me (and my University) Trying to say that I'm not prepared in my field, tried (just tried) to scare me and put me under psychological pressure in order to know to Obtain undisclosed date,
    I Will not Send You Any Other information.
    Regards,
    Dr. G. Levi
  37. Sven Kullander's additional comments on Rossi's Energy Catalyzer im Mailarchive
  38. S. Focardi, A. Rossi, A new energy source from nuclear fusion, Journal of Nuclear Physics, http://www.journal-of-nuclearphysics.com/?p=66, febbraio 2010
  39. Cerron-Zeballos, E., Crotty, I., Hatzifotiadou, D., Lamas Valverde, J., Williams, M.C.S., and Zichichi, A., "[ http://www.newene rgytimes.com/Library/1996Cerron-InvestigationOfAnomalous.pdf Investigation of Anomalous Heat Production in Ni-H Systems]". Nuovo Cimento, Vol. 109A, p. 1645-1654, (1996).
  40. Adalberto Piazzoli. "Fusione Fredda? Una ricerca italiana". CICAP - Scienza & Paranormale N. 78 (maggio 2008)
  41. http://www.neny.org/download.cfm/Vibronic_Energy_Technologies_Corp.pdf?AssetID=1169
  42. http://www.scribd.com/doc/39076066/Vibronic-Energy-Technologies
  43. From: Brian Ahern, Boxborough MA. Re: Zr-Ni-Cu alloy performance Ames National Laboratory processed metal alloy foils via arc melting followed by melt spinning. This is the Yamaura process employed by Arata and others. The foils were baked in ordinary air at 445C for 28 hours. The brittle, oxidized foils were placed in a tumble mill for 24 hours. This resulted in 30 grams of black powder with a median grain size of about 40 microns.Presumably, each grain has about one million nanoscale islands of NiCu inside. The 30 grams occupies about 7 ml inside the 50 ml dewar. The system was vacuum baked at 220C for 24 hours and cooled to room temperature. H2 gas was added at 200psi. The pressure dropped only to about 185 psi over twenty minutes. In these replication experiments the exothermic reactions have had peak temperatures above 220C with substantial loading above 3.0 H/M ratios. This time the temperature only rose by 2 degrees C. The system was heated with a band heater to high temperature. There was no controller. A rheostat was set at an arbitrary position and the system comes to a an arbitrary temperature.The average power input was 90 watts. After several hours the hydrated system was evacuated overnight at a constant high temperature at 530C. The next day H2 gas was again added at 100psi and the temperature rose by 40C to 570C and came back down to 530C after two hours. At the end of the day the dewar was again evacuated while still at 530C overnight. The third day repeated the same procedure. H2 gas was added at 100psi and the temperature rose by 44C to 574C. However, this time it did not come back to the initial temperature. It remained at the elevated temperature overnight. On the fourth day H2 gas was again added at 100psi and the system rose by 50C to 580C and again stayed at the elevated temperature indefinitely. A rough calibration suggests that the 30 grams of hydrated nanopowder is putting out 5 watts of excess power. Yesterday Peter Gluck suggested that the relationship between loading and excess power may be a myth. This seemed to be true for electrolysis with Pd and heavy water where loading levels exceeding 0.9 D/M were a prerequisite for observing excess power. My loading level with this nanopowder sample as less than 0.1 H/M. This 5 watt excess is very much less than Rossi, but it is a real and repeatable experiment There was no radiation above the background level. Other alloys from Ames NL are expected within ten days.
  44. http://ingandrearossi.com/gli-inizi/
  45. Kensington University, 520 E Broadway Suite 400, Glendale, CA 91205
  46. Articolo della "Los Angeles Times": Kensington University Faces Closure Hearing. 23 aprile 1996.
    JOHN CHANDLER, TIMES STAFF WRITER.
    Kensington University has no classrooms, laboratories or dorms. Its students don't play football, join fraternities or linger dreamily on a quadrangle. In fact, the entire campus is housed in a small Glendale office building. Recruiting from across the nation, the school runs a program in which students studying entirely at home can earn anything from a bachelor's degree to a doctorate--all without ever attending a single class or even meeting their instructors face to face.
  47. http://www.osac.state.or.us/oda/unaccredited.aspx
  48. http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_unaccredited_institutions_of_higher_education
  49. http://hawaii.gov/dcca/ocp/udgi/lawsuits/kensington/kensington_u_dj.pdf
  50. contributo nella wikipedia inglese del utente Matslewan del giorno 23.3.2011. As a journalist I have interviewed Rossi and he says that the title from Kensington University is an honorary title he gained because of an earlier patent regarding bio fuel. He claims he knows no more about this university.
  51. Eon S.r.l., V. C.ragazzi 18, I-44012 Bondeno
  52. EON Srl, Via Ottaviano 66, Roma
  53. Leonardo Corporation, 116 South River Road, Bedford, N.H. 03110 - USA. Web: http://leonardocorp1996.com
  54. http://dodfuelcell.cecer.army.mil/library_items/Thermo(2004).pdf
  55. http://www.defkalion-energy.com/
  56. Defkalion Green Technologies S.A., Temporary Head Quarters - Mesogeion Avenue 2-4, Athens Tower, 18th Floor, GR-11527 Athens, Tel: +30 210 7770602, Fax: +30 210 7770608. Email: info@defkalion-energy.com
  57. *Sortikos George (nato 1942) presidente. (Architetto e vecchio presidente della "Ω Βank" e proprietario della ditta Oxymachon)
    • Alexandros Xanthoulis (nato 1954), vicepresidente. Xanthoulis rappresenta anche la Praxen Defkalion Green Technologies Ltd. di Limassol (Cipro)
    • Christos Stremmenos (nato 1932), vicepresidente e professore emerito dell' universita di Bologna e ex-ambasciatore greco in Italia.
    • George Xanthoulis (nato 1987), figlio di Alexandros Xanthoulis
    • David Christian Aurel (nato 1969), Managing Director, anche CEO della Invest Bank Montenegro
    • John Chadjichristos (nato 1958), consulente
    • Andreas Meidanis (nato 1953), industriale
    • Muafak Sauachni (nato 1961), medico israeliano
    • Andreas Drugas (nato 1945), consulente
    • Symeon Tsalikoglou, portavoce
  58. AmpenErgo Inc, 116-G South River Road, Bedford NH 03110
  59. President: Karl Norwood, founders and main shareholders: Karl Norwood (NAI Norwood Group, Inc.), Richard Noceti (LTI-global.com), Robert Gentile and Craig Cassarino. Minority shareholder: Ronald Engleman
  60. http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3179019.ece
  61. NORWOOD MANAGEMENT KARL NORWOOD INC, 116 S RIVER RD UNIT A, Bedford, New Hampshire 03110
  62. NAI Norwood Group, Inc., 116 South River Road, Bedford NH 03110
  63. LEONARDO TECHNOLOGIES, INC., 116 S River RD, BEDFORD, NH 031106734
  64. ..Rossi is now paying the remaining 500,000 Euros to the Physics Department of Bologna University, following a new agreement under which the university will help Rossi with the continued development of the reactor and studies of its physical phenomena.
    According to the agreement, the work is led by the physicist Giuseppe Levi, who was the main observer when the "energy catalyzer" was demonstrated to invited scientists and media in Bologna in January 2011. Giuseppe Levi also carried out a longer test of the reactor in February, lasting 18 hours.
  65. http://www.nyteknik.se/nyheter/energi_miljo/energi/article3122915.ece
  66. http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?page_id=2
  67. WO 2009/125444 A1: METHOD AND APPARATUS FOR CARRYING OUT NICKEL AND HYDROGEN EXOTHERMAL REACTIONS. Anmelder: Pascucci, Maddalena. Erfinder: Rossi, Andrea. Data: 15.10.2009
  68. http://www.wipo.int/pctdb/en/wads.jsp?IA=IT2008000532&LANGUAGE=EN&ID=id00000011868762&VOL=100&DOC=075642&WO=09/125444&WEEK=NA&TYPE=NA&DOC_TYPE=WOSA&TOK=Q309-A-eI6srxLYw7s9qWfbp73Y&PAGE=1
  69. http://www.psiram.com/doc/application_rossi.004908.pdf
  70. http://en.wikipedia.org/wiki/Energy_Catalyzer
  71. Rainews, 5.5.2011
  72. Frank Perley: PERLEY: [ http://www.washingtontimes.com/news/2011/mar/17/nuclear-future-beyond-japan/ Nuclear future beyond Japan - Purported cold fusion advance aimed at energy woes], "The Washington Times", 17.3.2011.
Cerchiamo autori !